I ponti di Londra

Essendo un città per cui passa un fiume, Londra è ovviamente piena di ponti ogni 300 metri, ma io vi ho fatto una selezione di quelli più interessanti e che sono un must (che dovete, cioè, andare a vedere)!

Potete spostarvi con la tube oppure farvi una passeggiata lungo il Tamigi, decidete voi, ma non mancate questo appuntamento.

- Westminster Bridge: è un ponte pedonale e carrabile sul fiume Tamigi tra Westminster, sulla riva nord, e Lambeth, sulla riva sud. L’attuale struttura fu aperta nel 1862 ed è di ferro con sette arcate e decorazioni neogotiche attribuite a Charles Barry. Il colore dominante del ponte è il verde, in assonanza con le sedute della Camera dei Comuni, che occupa la parte del Palazzo di Westminster ad esso più vicina e in contrasto col colore rosso del Lambeth Bridge che ricorda il rivestimento delle sedute della Camera dei Lord, situata nella parte più occidentale del vicino palazzo.

-  Millennium Bridge: è un ponte pedonale sospeso, fabbricato in acciaio, che attraversa il fiume Tamigi unendo la zona di Bankside con la City. Fu il primo ponte pedonale ad attraversare il Tamigi da quando, nel 1894, venne costruito il Tower Bridge. L’estremità sud del ponte si trova vicino al teatro The Globe, alla Galleria di Bankside e alla galleria d’arte moderna Tate. L’estremità nord del ponte arriva vicino alla City of London School e si situa giusto sotto la cattedrale di St Paul. L’allineamento del ponte è tale da offrire una bellissima vista della facciata sud della cattedrale incorniciata dai piloni a sostegno del ponte, e da costituire uno dei luoghi in cui si ha una visione più fotogenica del monumento. Inaugurato nel giugno 2000, è stato subito chiuso dopo appena due giorni, perché oscillava talmente da impedire ai passanti di rimanere in equilibrio ed è stato riaperto dopo circa un anno.

- London Bridge: London Bridge è il ponte che collega la City of London al borgo londinese di Southwark. Si trova tra il Cannon Street Railway Bridge e il Tower Bridge. Il London Bridge originale, chiamato ora Old London Bridge, era uno dei ponti più famosi del mondo. Fu l’unico ponte sul Tamigi a valle di Kingston fino all’apertura del Putney Bridge nel 1729. Sul lato sud del ponte si trovano la Southwark Cathedral e la stazione della metropolitana London Bridge, mentre sul lato nord c’è il Monumento al grande incendio di Londra.

- Tower Bridge: viene spesso erroneamente chiamato London Bridge ma è un ponte levatoio sul fiume Tamigi. Terminata nel 1894, quest’opera di ingegneria vittoriana, divenne in breve uno dei simboli della capitale britannica. Le sue torri, con le guglie e le passerelle di collegamento, sostengono il meccanismo che solleva il ponte durante il passaggio di grandi navi e in occasioni speciali. Per l’epoca, il ponte era un’opera tecnologicamente avanzatissima, oltre che il ponte levatoio più grande mai costruito. Il ponte ospita The Tower Bridge Exhibition, un museo che ne illustra la storia attraverso percorsi interattivi; si può vedere da vicino anche il motore a vapore che costituì la fonte di energia del meccanismo fino al 1976, quando il sistema venne elettrificato. Da sopra il ponte, a 43m dall’altezza, c’è la cosiddetta Passeggiata dei gatti, o Catwalk: se non soffrite di vertigini ne varrà veramente la pena. Si tratta di un passaggio pedonale che attraversa il ponte anche quando le parti mobili sono sollevate, e che originariamente doveva servire a fare passare i pedoni anche quando il ponte restava sollevato per lungo tempo.

- Albert Bridge: collega il quartiere di Chelsea con Battersea Park. Dipinto di bianco e rosa, con lunghi cavi ornati, la sera s’illumina e crea un’atmosfera magica. Questo è uno dei più bei ponti di Londra anche se non fra i più rinomati.

Le Città SocialTripper : Barcellona | Roma | Parigi | Londra | Firenze | Milano

Socialtripper è un Network realizzato da New Com Agenzia Web - Roma | PI 02504700606